Percorsi educativi: dalla marginalità all’inclusione sociale

Il progetto, in collaborazione con USSM (Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni), dà la possibilità di sperimentare il mondo del lavoro, e la conseguente scoperta delle proprie competenze e potenzialità, a minori e giovani di età compresa tra i 16 ed i 21 anni, individuati tra quanti sono sottoposti a misure alternative alla condanna e alla detenzione o in attesa di processo. Attraverso lo strumento del “tirocinio di formazione e lavoro”, sono state avviate sedici borse lavoro della durata di 3-4 mesi ciascuna, per un totale di 20-25 ore settimanali, grazie alle quali i giovani hanno potuto sviluppare competenze progettuali a lungo termine, mentre le aziende sono state sensibilizzate all’accoglienza e all’inclusione socio-lavorativa di minori in situazione di disagio. Un elemento di raccordo importante è rappresentato dall’educatore professionale messo a disposizione dal Centro Accoglienza Minori del Borgo Ragazzi don Bosco, che ha il compito di individuare le esigenze e gli interessi del ragazzo, al fine di favorire l’incontro tra le sue aspettative e le richieste dell’azienda.