Andare alla Skolé e sentirsi a casa

Pubblicato il:

«La Skolé era diventata la mia seconda casa, “fateme sta un’altro po’” dicevo sempre agli educatori. Ancora oggi, ogni tanto passo a salutare perché per me questa è casa mia». «Qui ho imparato a rapportami con le persone … chi si aspettava di arrivare all’Università!». «Ero introverso, timido, apatico, ero svogliato nello studio. Skolé mi…(Read More)

Vieni anche tu a donare il sangue!

Pubblicato il:

In collaborazione con l'ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

Domenica 2 giugno 2019 dalle ore 8.00 alle ore 11.30, presso i locali del Centri Minori del Borgo Ragazzi don Bosco sarà presente l’équipe del Centro Trasfusionale dell’Ospedale Bambino Gesù per la donazione di sangue. Al fine di evitare un’attesa che potrebbe risultare lunga e poi inutile, ricordiamo che…(Read More)

Le associazioni si aprono al territorio proponendo attività rivolte a famiglie e a giovani

I ragazzi del Borgo Ragazzi don Bosco partecipano alla realizzazione dell’evento AnimiAMO il territorio: tra creatività e cittadinanza attiva che si terrà l’11 maggio 2019 dalle ore 15.00 alle ore 19.00 presso Villa de Sanctis “Casa della Cultura” in via Casilina n. 665 – Roma, promosso da AIM – Agenzia Intercultura e Mobilit…(Read More)

Il discepolo che Gesù amava

Pubblicato il:

Don Daniele Merlini, augura una Santa Pasqua a tutti i ragazzi del Borgo don Bosco

Carissimi ragazzi, nel cercare un pensiero che sia significativo e di augurio per questo periodo pasquale,  continuamente mi viene in mente la figura di Giovanni, “l’apostolo che Gesù amava”, perché era un giovane quando decise di seguire il maestro: insieme a suo fratello Giacomo non ci pensò due volte, lasciò le sue barche…(Read More)

L’erba del vicino …

Pubblicato il:

I ragazzi del corso di giardinaggio ci raccontano la sapienza della terra e delle mani

Che dire di questa primavera, in cui tutto si risveglia e con lei noi giardinieri che non aspettavamo che lei per dare il nostro meglio. Fiori, piante e colori sono di ispirazione e così pure tanti mesi invernali passati assieme maturando il desiderio di renderci utili, regalare attorno a noi tanto di quello che ci…(Read More)

Metti a fuoco il futuro dei giovani

Pubblicato il:

L’associazione Rimettere le Ali ha bisogno della tua firma!

Dona il tuo 5×1000 all’associazione Rimettere le Ali – Codice Fiscale 97650020585 Con una firma potrai restituire il diritto ad avere un futuro a giovani e famiglie disagiati ed emarginati,  ma anche trasformare la società promuovendo un futuro sereno per chiunque. Continua a leggere…(Read More)

Under 18 – Storie di sogni periferici

Pubblicato il:

In arrivo il documentario sulla periferia romana raccontata dagli adolescenti

Alcuni giovani del Borgo Ragazzi don Bosco hanno partecipato alla realizzazione del documentario sulla periferia romana intitolato “Under 18 – Storie di sogni periferici”. Ripensare le periferie romane attraverso i sogni dei loro giovani abitanti, non più spettatori passivi ma protagonisti nell’ideazione di un mondo migliore e possibile: “Under 18” conduce lo spettatore alla scoperta…(Read More)

Don Bosco e la formazione professionale

Pubblicato il:

Il fine del Sistema Preventivo di don Bosco, quello di rendere ogni ragazzo un “buon cristiano, un onesto cittadino ed un futuro abitatore del cielo”, rappresenta la fortunata sintesi dell’idea di educazione integrale che fin dalle origini dell’Oratorio di Valdocco ha caratterizzato l’opera del Santo dei giovani. Una delle prime attività in…(Read More)

Uova di Pasqua solidali

Pubblicato il:

Aiutaci a sostenere le attività dell'Oratorio, rivolte ai ragazzi del nostro quartiere

Anche quest’anno, l’Oratorio del Borgo Ragazzi don Bosco propone le uova di pasqua solidali: il ricavato permetterà la realizzazione di una sala musica, ovvero un luogo dove i ragazzi e le band del quartiere possano esibirsi ma anche imparare a suonare gratuitamente uno strumento. Le uova, di gr. 250 sia al…(Read More)

La quiete dopo la tempesta

Pubblicato il:

Jasim è un giovane ragazzo egiziano di quasi 19 anni che, come molti suoi connazionali, ha lasciato il paese natio in tenera età alla ricerca di un’occasione migliore da regalare a se stesso e alla sua famiglia. La cosa che più stupisce nei suoi racconti, è forse la capacità, nonostante giovanissimo, di aver sopportato per…(Read More)